Il cassetto dove custodisco i miei sogni ha un doppio fondo

Giornalista: Lei crede in Dio?

Antonioni: Qualche volta di notte…

A volte è difficile comprendersi fino in fondo: se chiedo sicurezza non voglio vederti arrivare con una cassaforte. Se chiedo una risata non voglio che afferri un coltello e ti scavi un ghigno nella  carne. Se ti chiedo un bacio, non tornare con la scatola dei cioccolatini Perugina.

Roy's People - Miracle

Roy’s People – Miracle

Sto creando un cadavere eccellente, ma ci sono soltanto io a ritagliarlo, a piegarlo, e a fare finta di non sapere quale sarà il risultato. Non siamo in due, nemmeno in tre e tanto meno in quattro.

Il cassetto dei miei sogni è parte di una scrivania in un ufficio solitario, all’ultimo piano di un grattacielo abbandonato. In questo ufficio, si arriva soltanto salendo i piani di questo grattacielo silenzioso. Di questo grattacielo di vetri e specchi infranti. Il cassetto in questione ha un doppio fondo di cui solo io conosco l’esistenza.

Schizofrenia emotiva significa che ami due o più persone con la stessa intensità, e che sei una persona confusa. Davvero.

Ti ricordi quando è stata l’ultima volta che ti sei vergognato di te? Se cominci a scrivere in maniera sincera, a prendere fiato e parlare di te allora forse cominci davvero a diventare una persona migliore. Viviamo costantemente con noi stessi, ci sono momenti della nostra vita durante i quali questa relazione che abbiamo con noi stessi è frustrante, sembra di stare con dei broker irresponsabili. Ma non indossiamo giacca e cravatta. Sto apprezzando la relazione con me stesso, da un pò di tempo, ma c’è molto lavoro da fare.

Stare con noi stessi è la cosa che sembra la più difficile, ci feriamo continuamente. Poi all’improvviso ci si accorge che amarci è la cosa più facile e naturale di tutte, basta ricordarsi di pettinarci e profumarci anche dentro. E di continuare a imparare nuovi modi per sbattere le ali. E con questo non voglio sembrare superficiale.

Voglio non avere paura di affrontare quello che viene, voglio avere una canna da pesca intelligente per cogliere l’occasione giusta, voglio parlare esperanto così che pochi ma buoni mi capiscano e mi portino brodo di faraona quando ho freddo.

Voglio vivere imparando, con ai piedi le mie scarpe comode perchè ho tanta strada da fare prima di dormire.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s