C’è qualcosa che non capisco nel tuo sound

Stavo ascolando Deuce, ma cos’è? Soprattutto dopo l’ansia che mi ha messo il pezzo Datti una Sistemata del Teatro Satanico.

Deuce è un bel nome, lui è un insecure. You need me when you fall. eh ehm.

La mia nuova vita di aperitivi e controllo mi hanno dato modo di pensare molto a tutto ciò che ho sbagliato e fatto bene fino ad adesso. Una lista infinita di cose, che ricordo più o meno, che non rinnego, che fanno parte del mio nome, che scriverei su tavole, per vedere quante ne riempirei. Il rumore della mia matita ti accompagnerà oltre, scream, You need me when you fall. Quando cado invece non ho più bisogno di nessuno, non più, per ora. Ho imparato tanto, ho parlato tanto al muro, Im supposed to be the one. Im supposed to be the one.

Non c’è ragione per aspettare nessuno a meno che qualcuno non ti stia portando un bell’amount di birra o di qualsiasi cosa con alchool in gradazione accettabile. sennò è un no. Non sorrido gratis. Se non per la mia buona azione quotidiana.

A volte la mattina, se c’è il sole, o se piove così forte che l’aria diventa blu, o la sera in direzione aperitivo o in piazza nella brezza mangiando uva mi piace sorridere a persone sconosciute. Mi piace pensare che qualcuno di loro sia così depresso, così triste che una bozza di sorriso gli darà slancio nella sua brutta giornata. Penserà -beh in fondo per cosa mi devo lamentare? ho i miei pantaloni, il mio telefono, il sole, la mia battaglia persa, la mia tshirt pseudo pulita, il terreno dove cammino, una direzione almeno fino alla fine di questo portico… in fondo tutto va bene, la mia vita ricomincia ora, quella persona mi ha dato un sorriso gratuito e quindi in realtà tutto va bene, quella persona non aveva motivi per sorridermi, ma ora mi sento meglio non so perchè!- . E quindi ogni tanto se mi troverete in una piazza a  o sotto la pioggia, o la sera verso il mio aperitivo, se mi conoscete vi chiederò di offrirmi una birra, se non mi conoscete forse vi sorriderò perchè vorrei che voi siate felici, perchè non c’è motivo per non esserlo.

Le vostre streghe dovete bruciarle, let me lead you somewhere, im supposed to be the one, you need me when you fall.

A volte nella nebbia dei volti che vi passano accanto non dovete temere di sorridere, non siate degli insecure. Choosy va bene non insecure. Daltronde quello che vogliamo è continuare a ridere forse per sempre, mentre tutto il resto scorre o sta semplicemente fermo.

Stamani mi sentivo lontano da me stesso forse perchè ero così dentro mè stesso, ora forse perchè è sera, forse perchè ho sentito così tanti tic tac, forse perchè ho letto così tante parole, pensato a così tante barchette in viaggio, forse ora che il sole può nascondere il fatto che non ho voglia di ridere, forse ora si posso ridere no?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s